Cerca
Filtri
Chiudere
RSS

I post taggati con "noleggio macchine agricole"

“Macchinari Innovativi”, il nuovo bando per la digitalizzazione dell’agroalimentare

Favorire la trasformazione tecnologica per rendere sostenibile e circolare il processo produttivo delle piccole e medie imprese: è questa la mission di “Macchinari Innovativi”, il nuovo bando previsto dal decreto Mise pubblicato lo scorso 23 giugno rivolto soprattutto all’innovazione dei macchinari per agricoltura.

 

Una dotazione complessiva di 265 milioni di euro per il sostegno di programmi di investimento mirati a favorire non solo la digitalizzazione delle imprese, ma anche il passaggio del settore manifatturiero a un’economia circolare. Il bando, firmato nei giorni scorsi dal Ministro Stefano Patuanelli, è soprattutto l’occasione di rilancio per il sistema produttivo del Mezzogiorno. Come sottolineato dal Sottosegretario Giuseppe L’Abate, Macchinari Innovativi rappresenta un’occasione importante per pmi e reti d’impresa agroalimentari delle regioni Calabria, Basilicata, Puglia, Sicilia e Campania, le quali avranno la possibilità avvicinarsi a un processo produttivo più sostenibile e circolare nel rispetto dei principi del Green Deal Europeo e della strategia “Farm to Fork”.

 

 

Macchinari Innovativi per la digitalizzazione agroalimentare

 

 

Le risorse, previste dal Programma Operativo Nazionale “IMPRESE E CONNETTIVITA’ 2014-2020 FESR ed erogate dall’Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa Spa-Invitalia, saranno concesse come contributi in conto impianti sotto forma di finanziamento agevolato, per una percentuale sulle spese ammissibili del 75%.

 

Gli importi di finanziamento vanno dai 400 mila ai 3 milioni di euro per l’acquisto di macchine agricole digitali e tecnologie abilitanti. Le procedure per accedere al beneficio che le imprese devono seguire sono ben definite: registrazione alla piattaforma dal 23 luglio e invio delle domande di partecipazione al bando a partire dal 30 luglio 2020.

 

A.F.

Agricoltura intelligente: la CAI presenta alla Camera il suo piano strategico

Con un’audizione alla Camera dei Deputati, la CAI – Confederazione degli Agromeccanici e Agricoltori Italiani – ha avanzato alcune proposte in chiave strategica pensate a rivoluzionare il settore primario, colpito come altri dalla crisi economica scaturita dall’emergenza Covid, e a consolidare l’impiego di macchine agricole innovative.

 

Ed è proprio innovazione e investimenti sono le due parole chiave sulle quali si è incentrato il discorso fatto dal vice presidente CAI – Sandro Cappellini – davanti alla Commissione Agricoltura della Camera, orientato a raggiungere elevati livelli di efficienza nel breve terminbe: in altre parole, agricoltura smart.

 

Un obiettivo non facile da centrare se non si adottano misure appropriate. Anzitutto, pianificare indennizzi mirati e politiche di innovazione, ma anche avere una visione di filiera più ampia nella quale le imprese agromeccaniche vengono considerate soggetti portanti per lo sviluppo dell’agricoltura digitale 4.0. Ma per far sì che questo avvenga è importante che si crei un tavolo permanente per la meccanizzazione agricola, che vede la partecipazione di tutti i componenti della filiera allo scopo di analizzare e suggerire interventi per accrescere i livelli di competitività e sostenibilità del settore; altrettanto importante è uniformare al 31 dicembre 2020 le scadenze di adempimenti come ad esempio corsi professionali, revisione dei veicoli, rinnovi patenti di guida e autorizzazioni alla circolazione di macchine e trattori agricoli.

 

Lo sviluppo dell'agricoltura smart e delle macchine agricole innovative

 

Ma un altro aspetto fondamentale è la burocrazia, ovvero sciogliere definitivamente quei lacci e lacciuoli che rappresentano un freno agli investimenti. A tal proposito, è necessario equiparare l’imprenditore agromeccanico a quello agricolo, e quindi, evitare di penalizzare le imprese con maggiore propensione a investire.

 

A sostegno di questa tesi ci sono come sempre i numeri: in Italia le 18 mila imprese agromeccaniche professionali, ossia poco più dell’1% di quelle che operano in agricoltura, rappresentano il 30% delle vendite di veicoli agricoli in termini di fatturato, con un valore che nel 2018 ha superato i 3 miliardi di euro.

 

Alessandro Farucci

Meccanica agricola e Covid-19: gli scenari per il 2020 sono poco rassicuranti

L’impatto Covid-19 sul comparto della produzione dei macchinari per agricoltura avrà effetti devastanti per i prossimi mesi dell’anno. A lanciare il grido d’allarme è la CAI – Confederazione Agromeccanici e Agricoltori Italiani – per bocca del suo presidente Gianni Della Bernardina, il quale prevede un calo delle immatricolazioni di trattrici e mietitrebbiatrici da parte delle imprese agromeccaniche superiore al 50% rispetto al 2019, a causa di una crisi di liquidità che impone al settore di sostenere le spese correnti, sottraendo risorse destinate all’innovazione.

 

Stime fatte sulla base delle analisi pervenute dai territori, tenuto conto che i contoterzisti rappresentano circa il 30% delle immatricolazioni di trattrici e oltre il 60% delle mietitrebbiatrici a livello nazionale, e che portano a ipotizzare nel 2020 non più di 16 mila unità complessivamente immatricolate, contro le 18.500 del 2019.

 

Immatricolazioni in calo trattrici 2020

 

Insomma, l’intera filiera delle macchine agricole è seriamente a rischio se non vengono subito adottati provvedimenti urgenti per far fronte ad alcune criticità. Su tutte, la carenza di liquidità necessaria a sostenere i costi per le lavorazioni, e una burocrazia esasperata che rende estremamente complicata l’erogazione dei finanziamenti dalle banche. Se gli scenari sono negativi per le immatricolazioni, lo stesso non si può dire per le macchine agricole usate, per le quali si prevede invece un incremento proporzionale.

 

In definitiva, non è illogico pensare ad un annus horribilis per l’intero settore primario, se alle problematiche sopra citate se ne aggiungono altre come l’assenza di manodopera professionale causata dalle misure anti-Covid e alle difficoltà di esportazione delle filiere.

A.F.

Coronavirus: dal MIT arrivano rassicurazioni sul blocco delle macchine agricole

L’emergenza sanitaria Covid-19 che sta investendo l’intero pianeta, porta con sé ineludibili conseguenze sul piano economico e sociale. Lo sa ben il nostro Paese, costretto a rallentare il motore produttivo, fatta eccezione per quelle attività economiche ritenute essenziali. Ad essere travolta dallo tsunami Coronavirus anche la filiera agroalimentare, in particolare il settore della produzione di macchine e attrezzature agricole.

 

Come segnalato da FederUnacoma e dalle associazioni professionali agricole, le imprese del comparto necessitano di mezzi e ricambi per garantire la continuità delle coltivazioni e degli allevamenti e, di conseguenza, la disponibilità di prodotti di prima necessita per i consumatori.

 

blocco produzione macchine agricole Covid-19

 

A scatenare le polemiche delle case costruttrici nei giorni scorsi è stato il D.M. del 25 marzo 2020, il cui allegato delle produzioni essenziali non prevedeva la meccanica agricola. Una scelta, quella dell’Esecutivo, in controtendenza a quella di altri paesi in Europa e nel mondo. La richiesta di FederUnacoma pervenuta al governo, ovvero correggere il decreto e consentire la produzione, seppur con volumi ridotti e osservando rigorosamente le misure di sicurezza per i lavoratori, è stata recepita appieno dallo stesso Mit.

 

Una circolare del Dipartimento Trasporti del Ministero dei Trasporti, infatti, ha disposto nell’elenco delle attività indifferibili degli uffici periferici della motorizzazione, l’inserimento dell’immatricolazione delle macchine agricole e delle macchine operatrici. Tuttavia, lo stesso Mit ha voluto precisare che tale servizio, qualora richiesto, è stato comunque sempre garantito fin dall’inizio dell’emergenza Covid-19.

 

Scongiurato, quindi, il rischio per le imprese agricole di trovarsi costrette ad acquistare dall’estero le necessarie forniture meccaniche.

 

A.F.

Macchine per agricoltura: attese nuove disposizioni sulla Mother Regulation

Sono in arrivo nuove disposizioni dal Ministero dei Trasporti in merito alla Mother Regulation, il regolamento comunitario relativo all’omologazione delle macchine agricole. A due anni di distanza dalla sua entrata in vigore, rimangono ancora molti dubbi riguardo l’applicazione della normativa, non solo da parte dei consumatori ma anche degli stessi costruttori.

 

Se ne è parlato in maniera approfondita nel corso del convegno organizzato qualche settimana fa da FederUnacoma, Unacma e Cai nel corso di Fieragricola Verona. Proprio allo scopo di chiarire alcuni punti controversi contenuti nel Regolamento UE 167/2013, il Mit ha fatto sapere che presto saranno previste nuove regole per l’Italia per attrezzature portate, semiportate e trainate.

 

Il punto principale è la definizione tra attrezzatura semiportata o trainata. Se per quest’ultima è prevista un’omologazione che ne attesti la sicurezza, per le semiportate che si avvalgono della direttiva macchine non è necessaria. Purtroppo, il Codice della Strada non aiuta in questo senso, in quanto la definizione che fornisce a queste due tipologie di macchine lascia spazio a non poche interpretazioni, consentendo di considerare ad esempio le trainate come semiportate con il rischio di sanzioni pesanti per l’utilizzatore.

 

Nuova circolare sulla Mother Regulation macchine agricole

 

Facciamo un esempio pratico. Prima dell’entrata in vigore della MR, le macchine collegate al trattore con gancio/occhione erano considerate trainate; con l’entrata in vigore del regolamento comunitario, è stato possibile utilizzare un attacco a due o tre punti con snodo centrale per la trainata. Ora, in base alla nuova circolare, un mezzo con attacco a due o tre punti, con snodo che ruota sull’asse verticale va inquadrato come trainato e, pertanto, necessario di omologazione.

 

È doveroso sottolineare che le nuove disposizioni contenute nella circolare saranno applicate nei confronti delle attrezzature per agricoltura messe sul mercato a seguito dell’emanazione della stessa.

Macchine e trattori agricoli: nel 2019 è l’usato il re del mercato

Chiusura in positivo ma con un andamento stazionario: è questa la fotografia scattata da FederUnacoma relativa alle vendite di macchine e trattori agricoli nel 2019. Sono in totale 18.579 i mezzi immatricolati, per una crescita dello 0,7% rispetto all’anno precedente.

 

Un dato che non fa che confermare una stabilizzazione del mercato negli ultimi sei anni (dal 2014 al 2019), con una media di 18.400 unità vendute. Unica eccezione è il 2017, anno caratterizzato dall’immatricolazione forzata di stock di trattrici in giacenza in virtù della nuova norma comunitaria sulle omologazioni. Seppur con il segno più, i dati dimostrano che c’è ancora tanto da fare dal punto di vista dell’innovazione meccanica in campo agricolo rispetto ai più importanti paesi europei.

 

 

mercato 2019 macchine agricole usate

 

 

Nonostante gli incentivi a disposizione per l’acquisto di nuovi mezzi, come ad esempio i bandi Isi, si registra ancora oggi un inadeguato e scarso impiego delle risorse nazionali e comunitarie per via di tempistiche non omogenee dei bandi da parte degli enti locali, che causa rapidi incrementi di immatricolazioni e fasi successive di stallo delle domande.

 

Altrettanto influente è il fattore redditività, ovvero la capacità di effettuare investimenti. Nel 2019, i redditi agricoli sono in calo del 2,6%, in virtù del calo della produzione agricola (-1,3%) e del valore aggiunto lordo ai prezzi di base (-2,7%).

 

La combinazione di questi due fattori ha prodotto un solo risultato: il boom dell’usato. Le vendite di macchine agricole usate nello scorso anno, infatti, ammontano a 39.800 unità, praticamente più del doppio di quelle nuove. Tradotto in percentuale, questo significa che se il mercato del nuovo ha segnato un +0,7% rispetto al 2018, quello dell’usato è cresciuto del 5,3%. Ancora più evidente e la differenza se consideriamo il periodo 2014-2019: se le macchine nuove sono cresciute del 2,2%, quelle usate hanno registrato un +60,7%.

A.F.

Incentivi fondo perduto agricoltura: le opportunità del Bando ISI 2019

Sostenere le imprese che investono in sicurezza per rendere il luogo di lavoro un posto più sicuro: anche quest’anno resta invariato l’obiettivo del Bando Isi 2019 dell’Inail, giunto alla sua decima edizione e rivolto anche al settore primario, alle prese con la necessità di svecchiare il parco mezzi con machine e trattori agricoli di ultima generazione.

 

Oltre 250 milioni di euro di incentivi a fondo perduto messi a disposizione dell’Inail, ripartiti su base regionale e assegnati fino ad esaurimento secondo l’ordine cronologico, a favore di imprese (anche individuali) iscritte alla camera di Commercio, industria, artigianato e agricoltura, con la possibilità anche per gli enti del terzo settore censiti negli albi e registri nazionali e regionali di accedere ai fondi del II Asse. Il contributo erogato in conto capitale può coprire fino al 65% delle spese sostenute per ogni progetto ammesso fino a un massimo di 130mila euro, sulla base dei parametri e degli importi minimi e massimi specificati dal bando per ciascun asse di finanziamento.

 

Fondi perduti per acquisto nuovi trattori agricoli

 

Alla stregua delle ultime due edizioni, sono 5 gli assi di finanziamento, differenziati in base ai destinatari e alla tipologia dei progetti realizzati, ovvero: oltre 96 milioni di euro per investimento e modelli organizzativi (Asse 1); 45 milioni per la riduzione del rischio derivante da movimentazione manuale dei carichi (Asse 2); 60 milioni di euro per bonifica amianto (Asse 3); 10 milioni di euro per progetti per piccole e medie imprese operanti nel settore fabbricazione mobili e pesca (Asse 4).

 

L’ultimo asse (Asse 5) è quello che riguarda interamente l’agricoltura, in tutto 40 milioni di euro destinati ai progetti di micro e piccole imprese operanti nella produzione di prodotti agricoli, suddivisi in 33 milioni per la generalità delle imprese agricole e 7 milioni per i giovani agricoltori (under 40) organizzati anche in forma societaria. Le percentuali del contributo in conto capitale calcolato sulle spese ammissibili al netto dell’Iva, sono rispettivamente del 40% e del 50%, con i limiti minimo e massimo del contributo fissati a mille e 60 mila euro.

 

La presentazione delle domande di accesso ai finanziamenti avverrà telematicamente attraverso una procedura “valutativa a sportello” articolata in 3 fasi, le cui date saranno rese note sul sito dell’Inail entro il prossimo 31 gennaio.

 

Gli incentivi a fondo perduto Isi Agricoltura, infine, sono finalizzati all’acquisto o al noleggio con patto d’acquisto di trattori e macchine agricole più sicure e a basso impatto ambientale.

Agevolazioni in agricoltura: proposto il super ammortamento per i trattori

Estendere le misure Industria 4.0 anche ai trattori agricoli per incentivare il rinnovo del parco mezzi nel settore primario. È questa la richiesta avanzata al Governo alcuni giorni fa dalle associazioni di categoria Cia, Confagricoltura e Copagri, che chiedono di estendere i benefici del super e iper ammortamento anche alle imprese agricole, ovvero a quelle che già godono di un regime forfettario, con un emendamento alla Legge di Stabilità 2020.

 

L’obiettivo è chiaro: avviare in tempi ristretti un ricambio dei macchinari di vecchia generazione, più inquinanti e meno sicuri. Un processo che non solo garantirebbe un forte impulso all’innovazione ma anche alla crescita del mercato interno. E in effetti, la quota più importante della produzione italiana di macchinari agricoli è destinata prevalentemente all’export, nonostante le immatricolazioni siano tornate a salire leggermente nei primi mesi del 2019 dopo il crollo delle vendite di quasi il 20% nell’anno precedente.

 

super e iper ammortamento per macchine agricole

 

Riassumendo, quello che chiedono a gran voce le associazioni di categoria del mondo agricolo è un super ammortamento al 130% e un iper ammortamento al 250% anche per l’acquisto di trattori e macchine agricole. Una misura che, se applicata, sarebbe in grado di generare maggiori ricavi per circa 250 milioni, di cui circa 100 sul mercato nazionale.

 

Ma questa non è l’unica proposta avanzata, perché ad essere chiesto è anche un ulteriore incentivo alla rottamazione per il rinnovo di un parco macchine da 1,5 milioni di unità con un’età media di 25 anni e che si rinnova a un tasso di 20mila unità all’anno.

 

A.F.

Macchine agricole: prorogata al 2020 la Legge Sabatini sulle agevolazioni d’acquisto

Investire in tecnologia e innovazione beneficiando di importanti agevolazioni sarà ancora possibile per tutto il prossimo anno anche per l’acquisto di nuovi macchinari agricoli. Il Decreto Crescita del Governo ha infatti confermato la proroga fino al 31 dicembre 2020 della Legge Sabatini, la misura che eroga agevolazioni sull’acquisto di macchinari, attrezzature e tecnologie anche per il comparto agricolo.

 

Conosciuta anche con il nome Nuova Sabatini o Bonus macchinari, essa consiste in un contributo del MISE a favore delle PMI che investono nell’acquisto di beni strumentali e nuove apparecchiature da impiegare nel processo produttivo. Alle imprese che fanno domanda di accesso e che acquistano beni strumentali anche in leasing spetta un finanziamento bancario o leasing fino all’80% dell’importo compreso tra 20 mila e 2 milioni di euro, per una durata massima di 5 anni.

 

Fondamentali sono i requisiti di accesso al beneficio, ovvero la sede operativa in Italia delle micro, piccole e medie imprese e la loro iscrizione nel Registro delle Imprese. Esse, inoltre, non devono essere sottoposte a liquidazione volontaria o a procedure concorsuali e non essere in difficoltà economica. Altro requisito essenziale è quello di non aver ricevuto e dovuto rimborsare aiuti ottenuti illegalmente o incompatibilmente alla Commissione Europea.

 

agevolazioni acquisto nuovi trattori agricoli

 

 

Oltre a macchinari e attrezzature, tra i beni agevolabili ci sono impianti, beni strumentali a uso produttivo, hardware, software e tecnologie digitali; non ammessi, invece, terreni e fabbricati, opere murarie, macchinari e attrezzature usate, imposte e tasse. I settori ai quali è riconosciuto il contributo sono tutti quelli produttivi, compresi agricoltura e pesca, mentre sono escluse le attività finanziarie.

 

La Legge sabatini è dunque un’ottima occasione d’investimento per tutti gli imprenditori del settore primario che hanno necessità di acquistare dei nuovi trattori agricoli o impianti di produzione innovativi al fine di accrescere il proprio livello di competitività.

 

Per accedere alle agevolazioni della Nuova Sabatini, le imprese devono compilare la domanda presente sul sito ufficiale del Ministero per lo Sviluppo Economico nella sezione Beni strumentali ovvero Nuova Sabatini da dove prenderà il via l’iter di verifica e approvazione.

 

A.F.

Trattore SAME Special Basso: vieni a scoprirlo con i test drive di Cordini

Per conoscere al meglio le caratteristiche delle macchine agricole bisogna provarle sul campo: è partendo da questa convinzione che Cordini ha deciso di aprire le porte della sua sede per far testare direttamente ai suoi visitatori i suoi prodotti. Macchine dalle prestazioni esaltanti e dalle caratteristiche uniche come il trattore Frutteto Special Basso di SAME, eccellenza tutta italiana nel campo della produzione dei trattori.

 

Un macchinario ideale per frutteti con sesti larghi di impianto che ben si adatta, per la sua struttura, anche ai lavori in campo aperto. Grazie alle dimensioni contenute, a una manovrabilità eccellente e a un raggio di sterzata ridotto, una migliore produttività è garantita. Ma sono davvero eccellenti le caratteristiche che lo contraddistinguono, a cominciare dal motore. Su tutta la gamma Frutteto, infatti, sono installati i nuovi motori FARMotion a cilindrata unitaria ottimizzata di 962 cm³ con un range di potenza che va da 75 a 113 CV. Ecocompatibili, in virtù della loro conformità allo Stage 3B, ottenuta con il solo catalizzatore DOC, e dell’iniezione Common-Rail a 2000 bar a controllo elettronico.

 

Capace di lavorare anche su terreni difficili, grazie a una trasmissione a 5 marce per 3 gamme in grado di assicurare un’elevata versatilità ed altissima efficienza anche per le sue ampie possibilità di configurazione. Esso, inoltre, è dotato di Comfort Clutch, il pulsante frizione collocato ergonomicamente sulla leva del cambio, e di un innovativo impianto idraulico a 3 livelli con portata fino a 131 l/min, per permettere il pieno impiego di attrezzature esigenti in termini di portata idraulica e al contempo un’elevata capacità di sollevamento e progressività nella sterzata.

 

trattore Special Basso della serie Frutteto SAME

 

E poi c’è il comfort: oltre al posto di guida ergonomico, si aggiunge una rumorosità contenuta, un diametro degli pneumatici idoneo a garantire la giusta altezza da terra della piattaforma, e una linea design completamente rinnovata.

 

Non solo il trattore Special Basso SAME, ma tutta la nuova serie Frutteto è disponibile in un’ampia gamma di configurazioni, con cabina o roll-bar e piattaforma, e con comandi meccanici o a controllo elettronico del sollevatore posteriore e dei distributori idraulici. Ma prima di acquistarlo o noleggiarlo Cordini Srl, sempre attenta alle nuove sfide dell’agricoltura, vi invita a provarlo direttamente in sede insieme a tanti altri trattori delle migliori aziende presenti sul mercato.